Sistemi di marcatura, codifica ed etichettatura industriale

Etichettatura Carne Bovina: cosa sapere

Chi opera nel settore alimentare sa che la carne bovina, come gli altri alimenti, deve sottostare a precise normative per la circolazione e commercializzazione in Europa. Di qualsiasi lavorazione di carne si tratti, dalle bistecche alla salsiccia, è obbligatoria l’etichettatura per la carne bovina. Ciò è previsto dalle norme CE approvate dal Parlamento Europeo il 17 luglio 2000 e in vigore dal 14 agosto dello stesso anno, con cui si istituisce un sistema di tracciamento e classificazione dei bovini sul territorio europeo.  

In base alla normativa, ogni animale bovino o carne bovina lavorata deve recare un’etichetta con un codice identificativo contenente informazioni come la data di nascita o il luogo in cu l’animale è stato cresciuto. Le regolamentazioni hanno come obiettivo quello di ridurre la diffusione di eventuali malattie e controllare l’ingresso di carni di provenienza incerta o illegale, oltre a quello controllare e tracciare il percorso dell’animale lungo il corso della sua vita, fino un eventuale arrivo nei supermercati e sulle tavole dei consumatori. Ma cosa prevede esattamente la normativa di riferimento per l’etichettatura della carne bovina? 

Etichette Carne Bovina: la normativa di riferimento 

Gli alimenti sul suolo europeo, quindi, hanno l’obbligo di sottostare alle normative della Comunità Europea. La carne bovina non fa eccezione, ed è regolamentata dalla normativa CE 1760/2000, in vigore dal 14 agosto 2000, che prevede, in sintesi, i seguenti punti: 

  • Tutti i bovini devono recare un marchio all’orecchio, che consenta di stabilire il luogo di nascita, e altre informazioni riguardanti le generalità. Queste informazioni verranno immagazzinate in una banca dati appositamente istituita da ognuno dei Paesi dell’UE. Agli animali viene poi rilasciato un passaporto che li identificherà fino a quando vivono. Anche gli allevatori devono a loro volta tenere un registro dell’anagrafe e dei movimenti dei propri animali;
     
  • Le carni lavorate e confezionate devono avere un’etichetta con un codice identificativo, che consenta di stabilire la nascita e il luogo di origine dell’animale, e altre informazioni riguardanti la loro vita e la loro salute;
     
  • Secondo un aggiornamento in vigore dal 1° gennaio 2002, nell’etichettatura della carne bovina occorre indicare il luogo dove l’animale è stato all’ingrasso ed eventualmente macellato;  
  • La marcatura sulla carne bovina può contenere informazioni aggiuntive sugli animali, ma ha l’obbligo di essere approvata dalle autorità competenti del rispettivo Paese europeo. 

 

L’importanza dell’Etichettatura Alimentare 

La normativa europea impone quindi l’etichettatura della carne bovina, così come per altri alimenti. Le regole interessano tutti i paesi della Comunità Europea, e già gli impiegati del settore si sono adeguati e attrezzati per rispettare le norme. Oggi, del resto, a disposizione degli operatori vi sono strumenti indispensabili per il lavoro di marcatura industriale che consentono di stampare marchi ed etichette in maniera rapida e senza sforzi. Una marcatrice industriale permette in un clic di applicare il marchio con le informazioni sulle generalità dell’animale, e lo strumento si è rivelato indispensabile nell’organizzazione della produzione in molteplici settori, non solo l’alimentare.  

Certo, non tutte le marcatrici sono uguali, e non tutte sono di qualità. Una buona marcatrice dovrebbe stampare un’etichetta alimentare chiara e leggibile, che non sbiadisca e duri nel tempo, per far sì che non si perdano i dati. Pertanto, per gli addetti ai lavori è preferibile dotarsi di un apparecchio che stampi ad alta qualità, dalle performance ottimizzate, e che produca etichette sempre leggibili e tracciabili.  

L’identificazione dell’animale è un passaggio di fondamentale importanza per l’allevamento e il commercio della carne bovina, e perciò etichettare in modo conforme è molto importante, non solo per il rispetto delle normative europee ma soprattutto per il benessere dei consumatori finali che acquisteranno la carne dal macellaio, o nel supermercato. 

 

Add a Comment

Your email address will not be published.

X

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Contatto